3 metodi che eliminano i topi che infestano la casa

I bocconi avvelenati: una soluzione valida

Una soluzione valida per la derattizzazione a Roma utilizzare dei bocconi avvelenati che vanno posizionati lungo i percorsi dei topi che di solito seguono sempre la stessa strada per spostarsi. Un boccone avvelenato però non agisce subito e il topo può deporre dopo che si è nascosto in qualche anfratto. La carcassa in decomposizione è difficile da trovare e possono scaturire fastidiosi odori se non si riesce a trovare l’animale morto. Inoltre, i bocconi avvelenati sono da evitare se si hanno animali domestici come cani e gatti che possono ingerire il cibo per il topo e star male.

La trappola: anche non mortale

Ci sono diversi modelli di trappole per la derattizzazione a Roma così da eliminare i topi che girano attorno a casa. È un sistema che agisce su un topo per volta perciò non è indicato quando l’infestazione è già piuttosto avanzata. Ci sono dei modelli che riescono a catture il topo senza però ucciderlo: si mette un’esca all’interno, preferibilmente della frutta zuccherina e non del formaggio, e il topo che entra per prenderla resta poi incastrato senza la possibilità di uscire. La trappola va poi aperta in un luogo migliore per la vita del piccolo roditore.

Il veleno areo: la soluzione più drastica

Una soluzione drastica che vien adotta dagli esperti di derattizzazione a Roma per risolvere il problema una volta per tutte, colpendo tutti i topi che ci sono in una volta sola, prevede l’uso del veleno a diffusione aerea. Questo tipo di intervento va fatto fare dagli esperti che sanno maneggiare questi pesticidi chimici senza alcun tipo di rischio. Se i topi sono proprio dentro casa, può esser necessario lasciare l’abitazione per evitare di avere ripercussioni negative nel momento in cui il pesticida viene diffuso per un tempo anche lungo, diverse ore. Gli esperti poi prelevano tutti gli animali morti poiché le carcasse possono ancora rappresentare un problema, potendo ancora trasmettere eventuali malattie.